Robotica e sviluppo sostenibile

Robotica e sviluppo sostenibile

Intervista con Antonio Bicchi, Maria Fossati, Giorgio Grioli

25 Marzo 2021 -  Tech for good
2' di lettura

Intervista con Antonio Bicchi (Presidente), Maria Fossati (Direttore Esecutivo) e Giorgio Grioli (Ricercatore) dell’Istituto Italiano di Robotica e Macchine Intelligenti (I-RIM), hanno curato il capitolo dedicato alla Robotica all’interno del report “Tecnologie emergenti per lo sviluppo sostenibile”.

Quali sono le principali opportunità presentate dalla robotica in riferimento agli Obiettivi di sviluppo sostenibile?

La robotica è la disciplina che studia i robot, ovvero le macchine intelligenti capaci di rispondere con un’azione a percezioni e stimoli esterni, e dunque di interagire con l’ambiente circostante. La robotica, applicandosi in maniera trasversale, ha molti campi di applicazione e offre molte opportunità per il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. 

Solo per citare alcuni esempi, la robotica studia e sperimenta lo svolgimento di attività in collaborazione con l’uomo al fine di migliorare la qualità del lavoro e il benessere, aiutando per esempio a mantenere una vita sana, rendendo più sicure le procedure mediche e fornendo tecnologie utili alla riabilitazione. Inoltre, la robotica partecipa sempre più allo sviluppo della sostenibilità della produzione del cibo, della gestione e difesa dell’ambiente, rendendo i processi più efficienti e efficaci in maniera trasversale.

Quali sono i rischi sociali e ambientali legati a queste opportunità? 

Al di là degli aspetti prettamente scientifico-tecnologici, la robotica solleva importanti questioni etiche e sociali. Tra queste, troviamo predominante la discussione in relazione all’occupazione. 

Il mercato del lavoro si sta modificando, grazie alla presenza sempre più capillare di robot collaborativi. Questa trasformazione non diminuisce il numero di posti di lavoro necessari, ma bensì aumenta la richiesta di persone con competenze specifiche che permettono di lavorare in sinergia con i robot. 

Oltre a questo tema molto sentito e dibattuto, il tema emergente dal punto di vista etico e giuridico riflette e analizza la eventuale responsabilità delle azioni eseguite da sistemi completamente o parzialmente autonomi. Queste problematiche vedono l’elaborazione di linee guida e norme che aiutino la progettazione e la verifica della sicurezza dei sistemi.

Quali crede saranno gli sviluppi futuri della robotica? Dove vede questa tecnologia tra 10 anni?

La robotica tra dieci anni sarà come oggi ma più vecchia! Ma in genere si porta bene i suoi anni e tutti la fanno sempre più giovane della sua vera età… A parte gli scherzi, la robotica è sempre stata e probabilmente rimarrà una scienza di confine che da molti decenni viene raccontata dai media come una scienza in grado di cambiare totalmente gli usi e costumi della società entro poco tempo.

In parte questo è vero, la robotica ha cambiato negli anni il modo di lavorare, vivere e divertirsi.

Mentre la robotica rimane alla ricerca di nuove tecnologie, in grado di aprire nuove strade al progresso, le nuove tecnologie vengono acquisite da aziende che creano prodotti disponibili sul mercato, spostando il confine della ricerca più avanti. All’interno di questa dinamica, per esempio, si trovano molti prodotti di uso ormai comune, come l’aspirapolvere robotico o le automobili sempre più autonome.

Per approfondire il tema Robotica e sviluppo sostenibile, scaricate il Report di ricerca dal sito web del Social Tech Lab.