Un anno di Nesta Italia

Cari Amici,

 

Oggi Nesta Italia compie un anno. Non potremmo essere più felici di quello che abbiamo vissuto, osservato, imparato e sperimentato negli ultimi mesi.

Abbiamo divorato chilometri e ascoltato molti punti di vista, alla scoperta di un ecosistema variegato come quello dell’innovazione sociale in Italia, impazienti di metterci al lavoro per contribuire ad un cambiamento sistemico nelle aree di nostra competenza (Arte & Cultura, Sanità, Istruzione, Future Communities).

Nesta Italia nasce proprio in un caldo 17 Ottobre del 2017 con l’obiettivo di favorire e accelerare processi di innovazione partecipativi per rispondere alle grandi sfide sociali della nostra era; forti dell’esperienza ventennale maturata nel Regno Unito da Nesta e con il prezioso supporto di Compagnia di San Paolo, abbiamo lavorato per rendere concreta questa visione.

Negli ultimi dodici mesi ci siamo dati da fare: abbiamo ascoltato le imprese culturali e artistiche, per comprendere i loro bisogni e disegnare uno strumento finanziario che possa supportarle. Lanciando il Survey Fu/iNDING CULTURE ci siamo resi conto di quanto sia importante trovare il coraggio di sperimentare e testare nuovi canali di finanziamento a supporto di un settore dal potenziale pressoché illimitato come quello culturale.

Coinvolgendo partner provenienti da ambiti differenti, abbiamo ancora una volta confermato uno dei pilastri sui quali si basa il nostro operato: dalla collaborazione nascono dibattiti costruttivi che portano a cambiamenti concreti. I nostri appuntamenti Nesta Incontra ne sono un esempio, così come i dialoghi che abbiamo intavolato con i vari stakeholder, dagli uffici pubblici ai Direttori Didattici (vi racconteremo a breve come procede il nostro primo progetto in Area Educazione).

Attraverso un approccio sperimentale alle tecnologie emergenti, a partire da Blockchain e Intelligenza Artificialeabbiamo cercato possibili connessioni con l’aspetto sociale, anche in questo caso partendo dall’ascolto (Call for Visionary Ideas).

Ci siamo dedicati ai nuovi approcci alla Cura, complementari a quelli tradizionali già esistenti, tramite un lavoro di ricerca del quale vi parleremo molto presto.

Infine, ci siamo messi in discussione, ridisegnando la nostra Area Migrazioni a dando il via a Future Communities.

Come già detto, tutto questo non sarebbe stato possibile senza il supporto di Compagnia di San Paolo e Nesta, madri visionarie che ci hanno guidato e ispirato costantemente.

Fondamentale è stato anche l’aiuto del nostro Consiglio d’Amministrazione e del Comitato d’Indirizzo coordinato da Elisa Rosso, che con il loro parere e i loro consigli ci hanno spesso mostrato la direzione giusta da percorrere.

Infine, il team: grazie per l’impegno, la dedizione e l’entusiasmo con cui ogni giorno vi dedicate a Nesta Italia.

Siamo molto felici di tutto quello che è successo durante l’anno passato e i prossimi mesi saranno densi di attività.

Troveremo anche il tempo di festeggiare il nostro compleanno e farci gli auguri di Natale: siete tutti invitati a partecipare il 13 dicembre, ulteriori dettagli arriveranno a breve.

Marco Zappalorto, CEO Nesta Italia